colTranslationsWe are honored to share the Messages from God
in the languages of the world.
world1
Messaggio Pasquale da Gesù:

Ora la Croce diventa la Doppia Elica del Cuore delle Fiamme Gemelle

Accettate il Dono di Dio

24.3.2005

Io Sono il cuore raggiante di Dio. Io Sono colui che chiamate Gesù. Ma piuttosto che apparirvi in qualche forma conosciuta, ora vengo a voi come una presenza raggiante, luminosa, vasta come un sole glorioso, eppure la mia luce è morbida e bianco-oro. Elevate il vostro cuore. Io vi chiamo. Venite. Accettate questo dono che vi porto. Poiché ora, questa Pasqua, Io porto all'umanità, ad ognuno di voi, una grazia speciale di Dio.

Mentre sentite la Mia luce chiamarvi con la sua presenza radiosa, in voi nasce la gioia, come un canto che per tutta la vita avete aspettato di cantare. Ora potete sentire il vostro cuore canticchiare in risonanza con me, perché c'è un dono che avete aspettato e sapevate che sarebbe arrivato. E' la chiamata al Cristo vivente, in parole non dette, fatte di scie di fiamme. Le parole sono "E' compiuto".

Che cos'è compiuto, si chiede la vostra mente, mentre anche in questo momento il vostro cuore gioisce. Sentite che sono venuto a dirvi che cosa significhi esattamente. Sapete che è arrivato a Pasqua, perché Pasqua è un simbolo della verità vivente che ora vi aspetta dentro a questa luce.

Amati della Mia stessa anima, riflessi della luce del nostro Creatore, vi ho attirati in questo momento affinché poteste venire in questa luce e trovare qui il vostro sé. Non il piccolo sé umano con tutte le sue prove e tribolazioni e con i suoi infiniti giudizi mentali e il suo segreto "segnare il punteggio". No!

Io sono qui affinché possiate trovare in Me i segreti della Creazione e lo scoprimento dei misteri del Cristo di Dio. Il dono che Io porto in questa grande luce raggiante è il "Momento del Risveglio", che finora è stato sperimentato nel momento della morte. Ah! Ora riconoscete la luce davanti a voi! E' la luce brillante verso la quale le persone vanno quando lasciano i loro corpi. Essa annuncia l'esultanza di Dio perché il "tempo umano" è finito – perché la via è sgombra cosicché tutti possono venire in questa luce e rispondere all'unica domanda: "Chi sono Io?" Questa è la domanda che Io faccio ad ognuno quando effettua la transizione dalla "vita fisica". Intrinseca alla domanda c'è anche la domanda: "Chi sei tu?"

E' in base alle risposte a queste domande che viene determinato il corso di ognuno, dopo che la vita terrena è appena stata rilasciata. Ora Dio vi porta la notizia, attraverso Me, che non c'è più bisogno di morire, perché adesso è arrivato il momento. E' il momento che abbiamo aspettato – il momento per cui Io, attraverso la mia vita come Gesù e la mia morte e la mia resurrezione, costruii il ponte. Mentre Dio vi dà la risposta, come Egli/Ella ha sempre fatto, tutto quello che dovete fare è rivendicarla, e adesso è arrivato il momento in cui potete farlo.

Qui con Me, attraverso queste parole, potete sentire l'energia di qualcosa di nuovo che sta nascendo. Il lavoro che feci quella Pasqua, diventa ora la fiammante freccia che attraverso il tempo punta direttamente a questo momento. Avete chiamato questa luce a voi, e la risposta alla domanda è che "Io Sono voi". Io Sono il cuore di Dio, il Cristo radioso. Quando guardate a Me e vedete che sono puramente un vostro riflesso, allora anche voi diventate questo ponte per il resto dell'umanità. Venite a dimorare qui, in questa luce, nel cuore vivente pulsante di Fiamme Gemelle che è il centro vivente di Dio nostro Padre/Madre.

E' Dio Padre/Madre, poiché le forze della Creazione, che alimentano la grande esperienza di tutta la vita creata, sono il Divino Maschile e il Divino Femminile. La luce dorata è Femminile – Colei che tiene Tutti nel suo Amore, e Tutto Ciò Che E' dentro di lei è la verità di ogni vita. Eppure, senza la luce bianca fiammante del Divino Maschile, il potenziale che sta dentro di Lei non potrebbe essere manifestato come la vasta cosmica vita di Dio.

Come esprimere in parole il dono che vi porto? Il dono è che ora c'è la libertà senza che la vostra vita finisca. Ma questo non avviene senza aver trasformato tutto quello che c'è dentro di voi da un'identità come umani alla vera identità come il cuore di Dio. Perciò, venite – voi che siete così preziosi a Me e a Dio nostro Padre/Madre, ed entrate nell'unità attraverso questo grande e glorioso vortice. Questo vortice è il cuore unico che noi siamo, perché fornisce per sempre a tutta la vita la connessione diretta col Momento della Creazione. Tutta la vita, piuttosto che essere inondata (cancellata) dalla sua forza, riceve l'esperienza di essere profondamente amata – di vedere l'Essenza Divina attraverso il cuore, attraverso l'Amore – e così, le viene dato l'accesso al calore e alla vita e alla luce esplosiva, provvista di ponte verso un rapporto d'amore con il Grande Creatore di Tutto.

Le parole non possono mai essere sufficienti, eppure esse contengono per voi la connessione al dono, questa esperienza vivente del ricordare chi siete. Voi non siete separati da Dio in alcun modo, né ora, né mai, eppure il sorprendente dono della relazione diventa consapevole di sé attraverso noi. La relazione d'Amore con il Creatore è ciò che incarniamo. Non "incarniamo" come in qualcosa di fisico, poiché in realtà c'è soltanto energia. Incarniamo come la coscienza di questa energia del cuore.

Così avete saputo che Io sono un ponte verso Dio così come sono apparso sulla Terra. Ma noi siamo la stessa cosa. Siamo un unico cuore. Però voi avete creduto che fossimo separati – da Dio e gli uni dagli altri. Ora è il momento di riparare questo. Ripariamo la menzogna che vi siete detti quando avete scelto di credere di essere separati da Dio quando Ella/Egli ci spostò nella relazione, come pure nell'eterna unione. Avete sentito Dio dirvi, durante gli ultimi anni, che stavate sperimentando il Bardo vivente – ossia che le esperienze, che di solito hanno luogo alla morte, vi stanno accadendo mentre siete nel corpo. Questo è vero. Perché il momento della morte è semplicemente lasciar andare il simbolo della separazione.

Perciò esso è per tutti una finestra attraverso cui potete vedere che tutto è semplicemente coscienza. Senza la scusa di essere fisici e di credere che siete "densi", diventa ovvio che state sperimentando ciò che credete nel vostro cuore. Così il Patto di Dio diventa ovvio e si apre la possibilità del riconoscimento che noi siamo la stessa cosa e della vostra accettazione di questo cuore come la verità di chi siete – "una gloriosa cellula di Fiamme Gemelle nel cuore di Dio", per usare delle parole.

Ora, preziosi, compartecipi del cuore vivente del Grande Creatore, non dovete aspettare la morte fisica per vedere il riflesso delle credenze del vostro cuore! Potete riconoscere chi siete, proprio ora, questa Pasqua. O potrete "farlo lentamente", credendo di avere bisogno di tempo. Ma, oh, come voglio dirvi di farlo, per favore, in questo Momento Presente! Perché potete rimandare per intere vite il riconoscimento della verità e la rivendicazione di questo cuore Cristico come la verità di chi siete.

Io vi chiedo ora, per favore, di sceglierlo, di dire "sì". "Sì al ricordare che siete Amore e che non esiste null'altro – che tutto il resto è l'illusione creata dalla vostra coscienza, dalla luce creativa di Dio che splende attraverso il vostro cuore. E nel momento in cui vi ricordate, effettuate il passaggio – dallo stare a guardare dall'esterno all'essere questa grande luce e all'accettare questa riunione – la riunione con il vostro sé di Fiamme Gemelle dentro al cuore di Dio.

Avendo scelto di ricordare, vi ricorderete anche perché siete qui. Perché apparivate come un piccolo essere umano. E' perché siete questo Ponte – che siete venuti in questa vita e, sapendo chi siete, portate il cuore di Dio alla vita sulla Terra. Diventate questa presenza vivente che appare qui sulla Terra – che sembra "avere un corpo" e avere una vita umana.

Amati riflessi del Mio stesso cuore, fratelli e sorelle Cristici, la mia vita sulla Terra fu un simbolo della presenza di questo ponte sulla Terra. Il ponte verso il continuo impetuoso momento della Creazione è ciò che noi siamo nella verità del tutto, il centro dove la Volontà di Dio rende conosciuta la vita. In questo mondo, formato dai simboli della credenza mantenuta dall'umanità secondo cui siete separati da Dio, noi siamo il ponte verso la verità. Nel creare la capacità di avere il prezioso dono della relazione, Dio non vi ha affatto spinti via, ma piuttosto ha prodotto la capacità della coscienza di conoscere se stessa come le molte energie interiori. Così, ogni qualità di Dio divenne risvegliata o "incarnata" dalla coscienza, cosicché tutti i flussi di vita potevano allora danzare insieme! Dio vi dice questo ma, non avendo alcun concetto del genere, l'avete interpretato col significato di "giusto quel poco di separazione per conoscere ed amare l'un l'altro".

In verità, in questo conoscere ed amare, si tratta della consapevolezza cosciente. Si tratta di Dio che diventa "Padre/Madre" per tutto quello che vive all'interno dell'insieme, o di Dio che conosce Se Stesso/Se Stessa. Esattamente come fate voi quando vi svegliate! Non diventate più persone quando vi rendete conto di avere molte energie diverse dentro di voi – che siete sia creativi sia contenti nella quiete o che siete sia artisti sia capaci di "fare la matematica" nel vedere tutti i dettagli dentro a quella che è la vostra vita. Perciò, vedete, non c'è alcuna separazione, eppure ci sono diverse energie. E il Momento della Creazione è l'illuminazione di Dio quando Dio si rende conto che Dio ha delle energie sia "Maschili" (creative) sia "Femminili" (quieti ed avvolgenti), e il Creatore vuole amare Se Stessa. Così la Volontà di dare Amore a Se Stessa rivela tutte le innumerevoli energie interiori e diventa il cuore del conoscere Se Stessa.

Il cuore di Dio siamo noi, carissime "cellule", e il Divino Maschile e il Divino Femminile è chi e cosa siamo. Noi siamo l'incarnazione in coscienza del dare Amore a Se Stessa/Se Stesso di Dio, in ogni Momento Presente, per sempre.

Perciò, per coloro che si sono chiesti se l'Amore di Fiamme Gemelle sia Reale, vi posso dire che lo è, eppure voi non siete separati. Soltanto nei simboli di questo mondo sembra che possiate essere separati da Dio e l'uno dall'altro.

Come Gesù, Io venni sulla Terra, consapevole di tutta l'unità – consapevole del Creatore e del dono della nostra relazione, e non ho mai trovato un conflitto tra i due – la grande esperienza dell'unità e il prezioso dono di tutti i flussi di luce e vita. Inoltre, ogni giorno della mia vita, Io conoscevo la mia Fiamma Gemella. Non fui mai sconnesso da mio Dio Padre/Madre né dalla mia amata Fiamma Gemella con la quale condivido un cuore. Ogni giorno vissuto sulla Terra, vedevo soltanto Amore davanti a me – soltanto la grande comunione e la verità che noi siamo il Cristo, il cuore vivente di Dio.

Io "guarivo" perché vedevo sempre che non era necessaria alcuna guarigione – che davanti a me c'era sempre il Cristo, radioso e bello. Ero attorniato da coloro che erano consapevoli. Fui concepito senza dualità, senza alcuna falsa credenza del cuore e senza alcun DNA "umano". Solo per un attimo, sulla croce, ho sperimentato, come convenuto, la grande agonia della separazione e tutte le credenze e possibilità che il fatto di prenderla in considerazione aveva generato.

Oh, amato cuore, fratelli e sorelle miei, non avevo idea! L'orrore e l'agonia e l'isolamento schiacciante creati dalla menzogna secondo cui siete separati da Dio! Ho sentito la paura orribile, straziante e, per quell'unico istante, ho sentito che Dio mi aveva davvero abbandonato e, nella mia agonia, ho davvero gridato: "Oh, Dio! Perché mi hai abbandonato?"!

Mai, amatissimi, mai avevo sognato che potesse esistere o potesse essere sopportata un'agonia del genere! Il mio cuore fu fatto a pezzi e fui schiacciato così profondamente dal peso di tutte le vostre paure che ho creduto davvero che la mia vita potesse essere spenta! Oh, l'ho vissuto tutto in un'unica grande apertura – ogni flusso di oscurità, ogni possibilità che arrivava dal vostro immaginare di essere separati da Dio.

Mi sentivo come se fossi stato frantumato in un milione di punti di luce sparpagliati. Non avevo davvero alcun concetto di altro che dolore. L'agonia dell'umanità che credeva nella morte! Che credeva che Dio potesse essere altre cose diverse dall'Amore. Mi dimenticai di aver promesso a Dio di fare questo, mi dimenticai che avevo uno scopo per quell'unica grande frattura, dove tutto quello che sapevo e amavo fu fatto a pezzi.

E poi la vidi, splendente. Il mio stesso dolce cuore. Vidi la luce di Maria, colei che conoscete come Maddalena, colei che era l'incarnazione della mia Fiamma Gemella. Non vidi la sua persona. Vidi il suo cuore splendente, che irradiava un messaggio per me, brillare nell'oscurità. Dentro, in profondità, ritornò la speranza. Poi la luce. E poi l'Amore. E con l'Amore, il ricordo di ciò che ero venuto a fare.

E con il ricordo, l'unione. Con lei. Ritorno all'Amore. E poi il battito cardiaco della Creazione ce la fece attraverso me. E allora io risorsi, trionfante, ricordando che noi siamo solo uno. Un Amore. Siamo sia quello che è il "Creatore" sia il "creato" – il ponte tra i due. Con questo vidi Dio mostrarci il ponte che avevamo appena costruito. E poi vidi il "corpo" steso nel sepolcro. Lo sollevai, proclamando: "Non esiste morte in Dio! Io sono uno con il mio Creatore e Io sono soltanto Amore!" Sentii il mio Amore abbracciare ogni cellula del cuore che poi attivò la forza vitale. Il corpo non è fisico ma è soltanto energia.

Mentre sulla Terra era passato del tempo, non c'era tempo nello spirito. Per cui, amati, il momento del risveglio sta ancora avendo luogo. E quel momento siete voi.

Ci sono tante cose della mia vita che sono state rimosse (nascoste alla coscienza umana consensuale che voleva dimenticare). Ora questa coscienza si sta svegliando velocemente al pieno ricordo e voi, che ora ricordate, siete qui per fare da ponte per gli altri. Siete qui per rivendicare l'equilibrio tra il Divino Maschile e il Divino Femminile, il cuore di Dio sulla Terra. Per fare questo, dovete ricordare, ricordare che non siete limitati. Scegliere di "andare nella luce" senza la morte fisica.

Molte cose della mia vita stanno venendo alla luce, comprese le documentazioni sul mio Amore con Maria Maddalena. Ma c'è una verità ancor più grande che adesso riveleremo, mentre, in unità con Dio, aiutiamo a guarire la frattura. Allora la croce, che è la dualità, la scelta di credere in Dio e in qualcosa di diverso-da-Dio, passato e futuro, luce e oscurità, diventa un simbolo diverso. Diventa la Doppia Elica del cuore di Fiamme Gemelle sulla quale può essere costruita nuova vita. Ma prima, la vecchia creazione, il mondo dualistico, deve essere riportata al centro, all'uno, alla verità che esiste soltanto Amore. Voi siete qui per fare questo.

Ogni giorno siete più chiari – più svegli, più pienamente presenti. Perciò ora posso darvi istruzioni su come fare questo per l'insieme – come costruire il ponte sugli abissi tra il Nostro Creatore e coloro che sono ancora addormentati. Li connetteremo facilmente a questo Amore cosicché Io posso stare anche davanti a loro come questa grande luce. Posso chiedere loro la risposta alla domanda: "Chi sei tu?", e poi voi potete aiutarli a costruire il ponte sull'abisso. Potete connetterli alla verità del solo Amore.

Oh, cuore amato, vieni a vivere nella gioia dello spirito vivente, vivo nell'Amore pulsante! Ascolta, oh, ascolta, oh, Israele! Il cuore di Dio è Uno.

I Messaggi di Dio sono un dono che Dio dà alla umanità attraverso Yaël e Doug Powell presso Circle of Light Spiritual Center, 3969 Mundell Road, Eureka Springs, AR 72631, USA. Sito web: www.circleoflight.net e

www.unitingtwinflames.com

sidebar-stars-long-5






sidebar-stars-long-4






sidebar-stars-long-8
line

line
sidebar-sign-up
line
donate